Logo Safety Coach Federation

Come sarebbe la tua vita se le persone ti ascoltassero e comprendessero la reale importanza della Sicurezza sul Lavoro?

SAFETY COACHING MASTER

Master in Safety Coaching – Online Edition

32 ore di alta formazione per i professionisti della Sicurezza che puoi seguire comodamente a distanza

Il Percorso completo di formazione al metodo Safety Coaching, dove si allenano e si integrano competenze essenziali per la condivisione del rischio in azienda e per la creazione di Cultura della Sicurezza.

elmo safety coaching master

Ecco i 7 superpoteri che i professionisti più esperti utilizzano per fare sicurezza

Non tutti i supereroi indossano maschera e mantello

Esistono supereroi solitari che ogni giorno combattono contro tutti affrontando mille difficoltà…

Sono gli esperti della Sicurezza sul Lavoro.

Queste persone affrontano ostacoli di qualunque genere, tra persone demotivate e annoiate a cui non interessano minimamente le tematiche della sicurezza sul lavoro e…

Datori di Lavoro o alti dirigenti che appena nomini la parola safety cercano in tutti i modi di risparmiare e di liberarsi del “problema” all’istante.

Quante volte hai visto facce annoiate mentre parlavi di sicurezza sul lavoro?

E quante volte dirigenti o imprenditori poco sensibili ti hanno snobbato con la classica frase: “Non abbiamo tempo e soldi per fare questo?”

Purtroppo questa è la reale situazione che ogni giorno un professionista della Sicurezza sul Lavoro deve affrontare.

Ma perché questa nobile causa non viene riconosciuta e apprezzata?

Continua a leggere perché voglio condividere con te 7 abilità fondamentali per far breccia nella mente delle persone e aiutarle a comprendere l’importanza della Sicurezza sul Lavoro e i rischi collegati.

Ci sono 7 superpoteri che un professionista della sicurezza che vuole ottenere risultati, deve padroneggiare.

7 competenze speciali che dovrebbero far parte del modus operandi di ogni professionista della Sicurezza che abbia a cuore il suo lavoro.

Primo Superpotere

Creare Fiducia e Vicinanza con i tuoi interlocutori

Un professionista della sicurezza deve saper comunicare efficacemente i rischi nei luoghi di lavoro costruendo allo stesso tempo relazioni di valore e generando un clima di fiducia.

Per fiducia e vicinanza non s’intende fare il simpaticone di turno, ma agire rispettando il punto di vista di tutti e garantendo la possibilità di esprimersi e contribuire positivamente allo sviluppo della cultura aziendale.

Uno dei più grandi problemi della Sicurezza, infatti, è che

Finché la Sicurezza verrà percepita come un obbligo o un’imposizione non potremmo mai cambiare le cose!

Come fare allora per creare relazioni di fiducia e mantenere un clima costruttivo e positivo intorno al tema del Safety?

  • Manifestando fiducia nelle comunicazioni a tutti i livelli aziendali;
  • Adattando lo stile comunicativo e un adeguato tono di voce sulla base del proprio interlocutore;
  • Offrendo supporto e incoraggiando lo sviluppo di nuovi comportamenti e azioni;
  • Rispettando le idee di tutti mostrando interesse alle richieste o segnalazioni degli altri.

sicurezza lavoro ascolto safety coach master

Secondo Superpotere

Ascolto Attivo

Mai come in questi anni stiamo assistendo a un grandissimo problema di ascolto nelle organizzazioni. Oggi le persone sono sempre più distratte da centinaia di input e altre diavolerie tecnologiche, che impediscono un’autentica connessione tra le persone.

Ecco perché per diventare un super-professionista devi appropriarti di questa grandissima abilità.

L’ascolto attivo è la capacità di focalizzarsi completamente sul tuo interlocutore per comprendere i suoi schemi di pensiero, le sue convinzioni più radicate e le sue esperienze profonde.

Ascoltando la persona con cui si interagisce infatti, si possono identificare i suoi valori e di conseguenza capire quali sono le leve emozionali da usare per costruire una relazione di fiducia.

Solo ascoltando la persona che hai di fronte puoi comprendere i suoi meccanismi di motivazione e quali strategie applicare per sensibilizzarla a rispettare la Sicurezza.

domande safety coach master lavoro

Terzo Superpotere

Creare Domande Potenti

Quando cerchiamo di coinvolgere alla Sicurezza tutti i livelli aziendali vogliamo convincere il nostro interlocutore ad abbracciare nuovi comportamenti e a prestare attenzione alle nostre indicazioni.

Proprio come i più abili venditori cercano di promuovere il loro prodotto o servizio, allo stesso modo tu ti occupi di vendere un’idea: La Sicurezza sul Lavoro è importante.

Tra gli strumenti più efficaci nella comunicazione persuasiva, le Domande sono uno strumento eccellente. Fare un uso sensato di domande mirate, ti può aiutare per tutti i processi di comunicazione strategica finalizzata alla creazione di Cultura della Sicurezza.

La capacità di creare domande potenti, ti può aiutare inoltre ad aumentare la consapevolezza delle persone e spostare il loro punto di vista verso comportamenti e soluzioni virtuose.

“Ok ma che tipo di domande devo formulare? Che caratteristiche hanno le domande potenti?”

Nel nostro Master in Safety Coaching lavoriamo molto su questa competenza, allenando con attenzione questa importante abilità. Devi proporre domande aperte che evocano scoperta, impegno e spingano all’azione il tuo interlocutore.

Tra le caratteristiche essenziali di una domanda potente troviamo:

  • Domande aperte che esplorano le realtà del nostro interlocutore (Cosa guida le tue scelte? Come fai a motivarti?)
  • Domande focalizzate sulle soluzioni (Come possiamo migliorare la Sicurezza in questo reparto? Cosa ci permetterebbe di ridurre gli infortuni?)
  • Domande che invitano all’azione (Come vuoi procedere per questa attività? Quali passi vogliamo seguire?)

L’arricchimento personale e culturale è ineguagliabile; tutto molto curato nei minimi particolari. Sempre grande aggregazione ed entusiasmo da parte di tutti. Veramente grazie!

E.Estrafallaces – Daikin Italia Spa

rischio consapevole

Quarto Superpotere

Creare Consapevolezza sui Rischi

Cosa significa creare consapevolezza sui rischi?

Semplice, vuol dire allenare l’attenzione delle persone a riconoscere ciò che è importante o meno, rendendoli autonomi nelle decisioni.

Nel nostro caso, si crea consapevolezza quando si accompagnano le persone a riconoscere in autonomia i rischi nei luoghi di lavoro trovando le soluzioni più opportune.

Il tuo compito come Esperto di Sicurezza non è quello di spiegare e basta, ma di creare altri Esperti in azienda.

Per fare questo, bisogna stimolare l’attenzione attraverso mezzi diversi per permettere l’aumento di percezione e di osservazione, creando inoltre sistemi di autovalutazione dei progressi fatti.

Tra gli strumenti essenziali per creare consapevolezza troviamo le domande maieutiche tipiche del Coaching. A titolo di esempio:

  • Quali rischi osservi in questo reparto?
  • Come dovresti fare questa attività per proteggerti?
  • Quali DPI vanno indossati in questa area?

Quinto Superpotere

Costruire Comportamenti Sicuri e Motivare alla Sicurezza

Comunicare nel modo giusto è fondamentale tanto quanto guidare le persone passo passo verso gli obiettivi di prevenzione.

Un super-professionista della Sicurezza ha il compito di motivare alla sicurezza tutti i livelli aziendali, soprattutto è importante assicurarsi che i comportamenti sicuri da mettere in atto siano rispettati da tutto il personale operativo.

La scienza comportamentale ci spiega bene come costruire e rinforzare i comportamenti sicuri all’interno di un’organizzazione. Tutto nasce dalla comprensione delle Conseguenze.

Sono infatti le Conseguenze, ciò che accade quando un comportamento è concluso, a guidare le nostre azioni.

Per fare in modo che un comportamento sicuro venga mantenuto nel tempo possiamo intervenire con due strategie di rinforzo:

  • Si ottiene qualcosa che si desidera (Rinforzo positivo)
  • Si rimuove qualcosa che non si desidera (Rinforzo negativo)

Per fare un esempio, quando un lavoratore indossa correttamente un DPI o esegue un comportamento sicuro, possiamo rinforzarlo positivamente con un complimento (rinforzo sociale).

Un esempio di rinforzo negativo è il fastidioso cicalino che sentiamo in macchina quando non indossiamo la cintura di sicurezza.

Per creare quel comportamento il rinforzo scelto è negativo: allacciando la cintura elimino qualcosa che mi dà fastidio.

Dal punto di vista comportamentale un Super-professionista dovrebbe:

  • Costruire sistemi di osservazione e feedback per creare ambienti di lavoro sicuri;
  • Definire con precisione comportamenti osservabili e misurabili;
  • Tenere traccia dei progressi e delle azioni correttive;

Oltre alle strategie di rinforzo “classiche” è fondamentale comprendere le strategie scientifiche alla base della Motivazione Umana. Un’intera sezione del nostro Master è proprio dedicata ai 7 Driver della Motivazione e al loro utilizzo nelle strategie di creazione di cultura della Sicurezza.

Il Master accende una scintilla motivazionale sull’argomento coaching in ambito sicurezza sul lavoro: importantissimo praticare con impegno e continuità le tecniche suggerite, così come l’approfondimento della materia. Il corso è un equilibrato mix di concetti e tecniche di comunicazione, di leadership, applicabili fin da subito nella gestione della sicurezza in ogni ambito lavorativo ma anche nella vita privata.

M. Pelizzon – Giobert S.p.A.

Guarda subito il video promozionale del Master

logica cambiamento sfety coaching sicurezza lavoro

Sesto Superpotere

Ragionare in una logica sistemica

Per poter realizzare un cambiamento solido e duraturo dal punto di vista Culturale è indispensabile osservare correttamente un Sistema nel suo insieme, su tutti i livelli.

Supponiamo che tu voglia migliorare la sicurezza in una determinata azienda X: partendo da un condizione A ovvero scarsa applicazione delle norme, punterai all’obiettivo finale B cioè la piena sicurezza.

Ora ragionando linearmente, dovrai portare il livello di sicurezza da un punto A (scarso) a un punto B (ottimale).

Sembra semplice no?

Purtroppo la realtà è un tantino diversa.

Qualsiasi sistema (nel nostro caso l’azienda X) tende all’omeostasi, ovvero la naturale propensione al raggiungimento dell’equilibrio.

Ogni volta che cerchiamo di introdurre un cambiamento in un sistema, questo agirà con una forza contraria che tenterà di contrastarci per mantenere l’equilibrio raggiunto.

Hai mai provato a seguire una rigida dieta per perdere qualche chiletto di troppo?

Ora, probabilmente, dopo tutti i tuoi sforzi profusi, ti sarai ritrovato a recuperare il peso perso in pochi mesi. Il tuo corpo è infatti un sistema, e come tale troverà il modo di remarti contro recuperando il suo equilibrio (o set point).

Torniamo alla nostra azienda X…

Un operaio che indossa un DPI (comportamento) ma non ha realmente compreso il valore di farlo (convinzione) e non ha acquisito il meccanismo inconscio di ripetizione del comportamento (abitudine), non ha realmente avviato un processo di cambio culturale.

Per ottenere un cambiamento permanente è necessario analizzare i fattori sistemici che potrebbero ostacolare tale cambiamento.

Tra i fattori sistemici più rilevanti ci sono:

Il Tempo indica la presenza di elementi del sistema che vanno riconosciuti: anzianità di grado, esperienza, tempo investito nel lavoro e così via.

Esempi di frasi connesse a questo fattore: “Sono anni che faccio questo lavoro, non mi servono le tue indicazioni” “Ho una grande esperienza, io so come lavorare in sicurezza”

Lo Scambio indica invece la necessità di equilibrio tra dare e ricevere: tra capi e sottoposti, tra datore di lavoro e collaboratori, tra clienti e fornitori etc.

Quando nascono problemi su questo fattore potresti ascoltare frasi come “Non ho il giusto riconoscimento per il mio lavoro” “Ho dato molto ma non è tornato nulla”. 

Il Ruolo o Posto occupato nel sistema è fondamentale affinché gli elementi siano collocati correttamente.

Si hanno problemi su questo fattore quando le responsabilità vengono fatte calare dall’alto o quando qualcuno soffre una posizione occupata all’interno dell’organizzazione. “Sto male in questo nuovo ruolo di Preposto” “Non mi hanno aiutato a ottenere la Leadership necessaria”

Ricordati di considerare sempre tutte le variabili sistemiche prima di prendere una decisione.

Ho partecipato al master in Safety Coaching quasi per gioco, volevo mettermi alla prova, era il primo approccio ad un modo diverso di fare ed interpretare la sicurezza. Lo scopo del corso è stato raggiunto pienamente. L’obiettivo di rivelare i tratti del nostro pensiero e di metterli a nudo, per dargli modo di trovare affinità di vedute con il resto dei partecipanti, è stata una carta vincente. Questo percorso mi ha permesso di credere nel concetto di leader, con l’ambizione di diventare dei validi Safety Coach nel mondo che ci appartiene.

M.Basso – Manital Idea Spa

leader sicurezza lavoro safety

Settimo Superpotere

Essere un Leader capace di ispirare il cambiamento

La grande differenza tra chi produce scartoffie burocratiche e chi fa davvero Sicurezza si può ridurre a un concetto: la capacità di ispirare il cambiamento.

Mai come in questo momento storico abbiamo bisogno di Leader capaci di guidare e di influenzare positivamente il loro ambiente.

Un super-professionista guida alla Sicurezza sempre attraverso la scelta coerente della sua identità e del suo modo di essere.

Agisce nel pieno rispetto e nella tutela della vita delle persone operando con la massima scrupolosità e nel rispetto della legge.

Oltre a questo, è fondamentale lavorare continuamente su sé stessi per migliorare, accrescere e potenziare le proprie competenze, perché

Spesso nonostante i nostri sforzi le cose sono difficili da cambiare

Ecco dunque che solo imparando a conoscere in profondità il tuo modo di essere, la tua natura e lavorando sulla tua autenticità sarai in grado di diventare il punto di riferimento per la tua organizzazione.

Per la prima volta, in circa 28 anni di lavoro, ho partecipato ad una cosa completamente diversa alle solite informazioni ricevute ai vari corsi. Un grossissimo BRAVO a Matteo che è riuscito a rapire le nostre menti!

D. Lorefice – Riva & Mariani Group S.p.A.

Questi sono i 7 super poteri necessari per cambiare radicalmente il proprio approccio alla Sicurezza e generare un cambio culturale profondo.

Queste competenze, non sono così facili da applicare senza un’adeguata pratica.

Purtroppo come tutte le abilità, non basta leggere e studiare qualche libro per diventare un esperto…

 …serve tanta pratica costante ogni giorno.

Nel nostro Master in Safety Coaching ci dedichiamo a queste competenze insieme a tanti professionisti per accelerare al massimo il cambiamento e la crescita personale di ogni partecipante.

Chi ti accompagnerà in questo percorso professionale?

Matteo Fiocco

Mi chiamo Matteo Fiocco e sono da sempre un grande appassionato di comunicazione, scienza del cambiamento e crescita personale.

Negli ultimi 15 anni ho dedicato la mia vita allo studio di discipline fantastiche come il Coaching, le Neuroscienze, la Psicologia Comportamentale e l’Intelligenza Emotiva.

Volevo capire cosa permettesse ad alcune persone di avere successo nelle loro relazioni e di influenzare positivamente gli altri.

Ho scritto i libri Safety Coaching e Motivare alla Sicurezza e negli ultimi anni ho creato la mia personale Community che oggi conta oltre 10.000 iscritti. Ho formato migliaia di professionisti della Sicurezza che mi ricambiano con un entusiasmo incredibile a ogni nostro corso.

Matteo ha seguito la formazione di tutto il nostro team Safety; i suoi corsi sono stati stimolanti ed illuminanti per migliorare la nostra attività. In Italia è il professionista di riferimento in materia di Coaching applicato alla Sicurezza sul Lavoro

Francesca Meneguzzi– RSPP Retail Calzedonia Holding SpA

Come formatore aziendale e coach professionista (ICF), negli ultimi 10 anni ho avuto la possibilità di testare in prima persona le strategie che condivido con i miei studenti, lavorando con centinaia di aziende per lo sviluppo e il potenziamento delle risorse umane.

Ho deciso di formare io stesso i professionisti della sicurezza per dargli tutti gli strumenti pratici da utilizzare ogni giorno.

Così ho progettato il nostro Master in Safety Coaching, un percorso dove alleniamo quelle competenze necessarie a trasformare positivamente la cultura della Sicurezza in azienda, passando da un approccio direttivo a un approccio coinvolgente basato sul Coaching.

4 giorni (32 ore) dedicati solo ad aiutare i professionisti della Sicurezza sul Lavoro a migliorare le proprie competenze e a raggiungere risultati straordinari.

Alcuni dei clienti che mi hanno dato fiducia

Relatori e Ospiti di questa edizione

Maurizia Cacciatori

Donna immagine dello sport Italiano vanta 228 presenze in Nazionale e con i suoi 18 titoli è tra le atlete più in vista del panorama pallavolistico mondiale. Da Capitana della Nazionale, vince: Oro ai Giochi del Mediterraneo, Bronzo agli Europei del 1999, Argento agli Europei del 2001 ed inoltre il Premio quale Migliore Palleggiatrice al Mondo nel 1998.

Storica la sua partecipazione alle Olimpiadi di Sydney prima qualificazione in assoluto per la Nazionale di pallavolo.

Nella sua carriera da professionista nei club vanta: 4 Campionati Italiani, 1 Campionato Spagnolo, 4 Coppe Italia, 1 Coppa de La Reina, 3 Supercoppe Italiane, 3 Champions League, 1 Coppa CEV e 1 Supercoppa Spagnola.

Dal 2005 collabora con Sky Fox Sports in veste di giornalista sportiva e nel 2015 viene nominata “Ambassador” per Expo 2015.

Da diversi anni si occupa di formazione manageriale ed è spesso invitata presso importanti aziende a dare testimonianza della sua esperienza nella Leadership e nel Team Building.

Pietro Trabucchi

Da oltre due decenni focalizza i suoi interessi di ricerca su temi quali motivazione, gestione dello stress e resilienza.

Insegna “Psicologia della prestazione e dello sport” presso l’Università di Verona; ed è docente nel Master in Project Management del Politecnico di Milano, dove svolge una formazione esperienziale di due giorni sulle Alpi sul tema “Managing team under stress”.

È stato Psicologo di varie Squadre Olimpiche: Sci di Fondo (Torino 2006), Triathlon (Sydney 2000) e Canottaggio (Rio 2016). Segue da anni le Squadre Nazionali di Ultramaratona.

Dal 1999 è stato il responsabile della preparazione psicologica dei team di varie spedizioni alpinistiche destinate ad operare in ambienti estremi.

Nel 2005 ha raggiunto la cima dell’Everest con la spedizione “Everest Vitesse”.

Nel 2016 è stato il responsabile della spedizione “Alaska Stress Challenge” che ha scalato il Denali con finalità di ricerca scientifica sullo stress.

Nel 2019, con la spedizione internazionale “Greenland Expedition Lab” ha compiuto la traversata della Groenlandia con gli sci in 27 giorni.

Ha trasferito le esperienze con le spedizioni e con gli atleti di élite nelle organizzazioni e nelle aziende per proporre metodologie innovative sulla gestione dello stress, la facilitazione della motivazione nel gruppo, lo sviluppo della resilienza.

Ha pubblicato diversi lavori scientifici su riviste internazionali come Frontiers in Physiology e alcuni libri sul tema della resilienza e della motivazione, tra i quali Resisto dunque sono, presentato sulla RAI a “Che Tempo che fa”.

Giuseppe Meli

È un sociologo della comunicazione, specializzato in formazione degli adulti e in sociolinguistica. È Master Certified Coach, con credenziale rilasciata dall’ICF – International Coaching Federation e Licensed Trainer of NLP.

È il direttore didattico di Menslab Srl – Coaching & Training, società che da oltre vent’anni offre consulenza strategica, coaching e formazione sulla comunicazione e sul coaching. Ha co-progettato il programma di formazione e certificazione per coach sistemico evolutivo, accreditato dall’ICF come ACTP, il livello di certificazione più elevato  per i programmi formativi per coach professionisti.

Dal 2004 svolge per l’ICF la funzione di assessor (esaminatore) per gli esami per coach professionisti sino al massimo livello di certificazione e, attualmente, fa parte del Credentialing Training Team dell’ICF, occupandosi – con colleghi Master Coach di tutto il mondo – della formazione degli assessor, principalmente in Europa, Stati Uniti e Asia.

Nella sua attività offre interventi  di consulenza e formazione a numerose aziende. I suoi clienti in coaching sono principalmente executive, professionisti, squadre sportive e team direzionali. È mentor coach e supervisore di numerosi coach professionisti in Europa, Stati Uniti ed America Latina.

È co-autore del testo “L’evoluzione contagiosa”, edito da Franco Angeli e relatore in numerosi convegni internazionali sul coaching.

Doris Di Bella

Doris Di Bella ha un’esperienza 30ennale nel mondo food&retail e nella Consulenza Direzionale.

Ex Direttore Generale di Burger King, ha avuto un percorso internazionale che l’ha vista impegnata in molti ruoli operativi e strategici.

Tra i massimi esperti in Italia di Leadership nel settore Operation, si è confrontata con i più grandi player mondiali nella filosofia del Lean Management e del Kaizen, arrivando a formarsi con la McDonald’s International Academy in Ontario (USA).

Imprenditrice nel mondo Healthy Food, nel 2017 ha fondato la sua società di consulenza, focalizzata nello sviluppo di franchising, di start-up innovative e nell’efficienza organizzativa attraverso programmi di Change Management.

Crede nel Coaching come strumento di cambiamento perché convinta che il bene di ogni azienda siano le persone: individuare i punti di forza e crescita di ogni collaboratore e aiutarlo nel pieno sviluppo, creando benessere individuale e organizzativo.

Safety Coach Federation è la prima organizzazione specializzata nella crescita dei professionisti della Sicurezza con l’obiettivo di aiutarli a diffondere più facilmente la Cultura della Sicurezza sul Lavoro

Cosa imparerai nel Master in Safety Coaching

  • Competenze

    Metterai in pratica le 8 competenze chiave del metodo Safety Coaching;

  • Performance Safety

    Lavoreremo con la formula della performance safety;

  • Comunicazione

    Le strategie chiave per comunicare il rischio in modo efficace;

  • Conversazioni strategiche

    Le caratteristiche delle conversazioni strategiche di sicurezza;

  • Sistemi

    La logica sistemica per influenzare tutti i livelli aziendali;

  • Motivazione scientifica

    I 7 fattori della motivazione umana e come utilizzare le leve emotive a tuo vantaggio;

Oltre a quanto ho appreso e alle attività che abbiamo svolto – tutte molto interessanti – sono riuscito anche a lavorare di più su me stesso, sulle mie convinzioni e i miei limiti. Il corso è molto intenso e indubbiamente abbatte diverse barriere; i lavori di gruppo sono incredibilmente efficaci, sia dal punto di vista pratico che dal punto di vista intellettuale.

R.M. Chiarenza – Libero Professionista

A chi è rivolto

A chi è rivolto il corso?

Il Master in Safety Coaching è rivolto a tutte le figure della sicurezza (Datore di lavoro, Dirigenti, Rspp, Aspp, HSE Manager, Preposti e coordinatori) che vogliono apprendere principi di Coaching per condividere e coinvolgere maggiormente l’azienda al Safety.

Grazie a questo Master è possibile sostenere l’esame di certificazione e ottenere la qualifica di Certified Safety Coach della Safety Coach Federation.

Inoltre il Master in Safety Coaching è valido come aggiornamento di 32 ore (D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)

Safety Coaching

Alla fine del corso sarai in grado di

  • Integrare il Coaching nel tuo lavoro quotidiano;

  • Creare contesti motivanti e facilitare i comportamenti desiderati;

  • Condurre le aziende verso una performance Safety efficiente;

  • Comunicare con maggiore efficacia le indicazioni di safety;

  • Coinvolgere le persone per costruire una solida cultura della Sicurezza sul Lavoro;

Esperienza formativa che annovero tra le più stimolanti tra quelle che ho vissuto. Da occasioni simili si torna a casa e si scopre che nulla è cambiato ma nessuno è più come prima.

S.Chiarion – Polistudio Spa

“Ma esiste un percorso più breve?”

Mi dispiace, ma la risposta è no.

Non si diventa ingegneri in 2 lezioni all’università e sicuramente non sei diventato un esperto in sicurezza sul lavoro in qualche ora, dico bene?

Chiediti quanto è importante per te, ottenere risultati ancora migliori e aiutare le organizzazioni a raggiungere ambiziosi obiettivi, riducendo gli infortuni sul lavoro.

Se sei convinto che fare sicurezza sia un lavoro serio e vuoi dare un netto miglioramento alla tua attività professionale allora questa è

Una grande occasione per il tuo sviluppo professionale

Questo Master è strutturato per accompagnarti ad acquisire e mettere in pratica strategie uniche che ti permetteranno di fare il salto di qualità e accedere all’Elite dei professionisti della Sicurezza sul Lavoro che hanno scelto di fare  la differenza.

DATE: 20-21 / 27-28 Maggio

Le Video-Testimonianze degli studenti della scorsa edizione.

Cosa dicono del Master

Giovanni CataniaHSE Manager di Ferrero S.p.A.

Beatrice Piazzi Safety Manager di Aimag S.p.A.

Raffaele Santoro Health and Safety Culture Facilitator

Questo corso mi ha permesso di mettere in discussione il mio modo di comunicare con gli altri e di prendere coscienza di alcuni errori involontari che possono ed hanno sicuramente reso meno efficace la mia comunicazione fino ad ora. E’ stato un bello stimolo per migliorare il mio modo di comunicare. Ora si tratta di studiare e mettere in pratica quanto spiegato! Ho già iniziato, vedendo alcuni risultati!

M. Mazzanti – Surgital SPA

Risposte a domande frequenti – F.A.Q.

FAQ

Il corso è valido come aggiornamento normativo?

Sì! Il master in Safety Coaching è valido come 32 ore di aggiornamento per RSPP, ASPP o FORMATORI della Sicurezza.

A chi è rivolto questo corso?

A tutte le figure della sicurezza (Datore di lavoro, Dirigenti, Rspp, Aspp, HSE Manager, Preposti e coordinatori) che vogliono apprendere principi di Coaching per condividere e coinvolgere maggiormente l’azienda al Safety.

Su quale piattaforma si svolgerà il corso?

Il corso si svolgerà su Zoom.

Sono previsti sconti sul prezzo?

Sono previsti sconti in caso di acquisti multipli del corso! E’ possibile ottenere un prezzo personalizzato per l’acquisto: contattaci via email a info@safetycoaching.org.

Il Master è teorico o pratico?

Troverai il giusto equilibrio tra teoria del Coaching e attività pratiche. Tutti i nostri programmi di formazione sono basati su studi scientifici e sono progettati per permetterti di sperimentare da subito nuove modalità di approccio alla Sicurezza.

Posso partecipare anche se non so nulla sul Safety Coaching?

Il Corso getta le basi fondamentali per comprendere a pieno questa disciplina. Si può partecipare anche senza conoscenza in materia.

Riceverò un attestato o una certificazione dopo il corso?

Sì, verrà rilasciato il diploma “Master in Safety Coaching” della Safety Coach Federation.

Ogni partecipante riceverà un attestato di frequenza al Corso di Aggiornamento, con relativa durata (32 ore) valido ai sensi del D. Lgs. 81/08 e dell’Accordo Stato Regioni 07.07.2016., rilasciato da AIESIL – Associazione Italiana Imprese Esperte in Sicurezza sul Lavoro e Ambiente.

Dopo aver frequentato il Master in Safety Coaching è possibile sostenere l’esame di certificazione e ottenere la qualifica di Certified Safety Coach della Safety Coach Federation.

Master Safety Coaching

DATE: 20-21 / 27-28 Maggio

Ottieni subito tutte le informazioni per il Master

Ultimi 2 Posti DISPONIBILI!

Compila il form che trovi qui sotto e verrai presto contattato da un nostro tutor, che ti illustrerà modalità di iscrizione e i costi del corso!